La depressione e la cura

15 dicembre 2007

Quest’articolo del New York Times ha fatto molto discutere in questi giorni. Descrive lo stato attuale dell’Italia con un’espressione: in a funk, depressa.
La situazione economico-politica italiana viene rilevata dal’autorevole quotidiano attraverso lo stato d’animo della gente. Gli italiani si sentono infelici. E questo vale più di ogni cifra, di ogni parametro economico astratto. Nel paese della dolce vita, la vita non è più così dolce. È un dato di fatto, registrato da rilevazioni oggettive e soggettive.
I motivi del malcontento sono noti. Il distacco tra la politica e la gente, la diffusione della criminalità organizzata, la crisi economica con i suoi annessi e connessi: perdita di competitività e del potere d’acquisto, precarietà, arretratezza nelle infrastrutture e nelle innovazioni tecnologiche. Tutto questo contribuisce al nostro stato di malessere. Nuoce alla nostra immagine di paese felice, della buona cucina e della grande musica.
Spiace che buona parte del governo non abbia raccolto la sfida. Prodi e Bersani hanno risposto un po’ stizziti che l’Italia non è depressa e che anzi sta meglio di altri paesi europei. Nascondere i problemi che sono sotto gli occhi da tutti non è certo la soluzione giusta. E’ quello che ha fatto Berlusconi per cinque anni: a chi gli rinfacciava la drammatica situazione italiana, rispondeva di venire a visitare l’Italia, un paese bellissimo, pieno di sole, musei e luoghi d’arte (Parlamento Europeo, luglio 2003). Non è da Prodi evitare i problemi (lo si è visto con le sue leggi Finanziarie), quindi questa sua uscita stupisce un po’.
Solo Walter Veltroni ha ammesso che il NYT non ha scritto una cosa infondata, ma ha aggiunto anche che l’Italia ha i fondamentali per farcela; per il Presidente Napolitano lo “spirito animale” degli italiani permetterà al nostro paese di riprendersi. In questa direzione bisogna muoversi: riconoscere la drammatica situazione in cui siamo e fare tutto il possibile per uscirne.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: